di Olga Piemontese
Pedagogista Clinico®

Il Reflecting® ispirato ai principi della Nuova Maieutica, crea opportunità per organizzare nel sociale l’azione di riscatto contro i fraudolenti tentativi del persuadere, del guidare e del consigliare ed estendervi nuove tutele per una vita più vera e più libera. All’imperiosità socratica di far partorire agli uomini delle verità, martellandoli con pressanti domande, avvolgendoli in una rete di quesiti, obbligandoli a evitare la vacuità e superficialità delle loro convinzioni per disporsi a elaborare risposte precise, il Pedagogista Clinico® trova nella Nuova Maieutica il sostanziale distinguo di “offrire alla persona un aiuto a riflettere su di sé utilizzando prevalentemente le proprie risorse personali”, di rintracciare e partorire risposte convenienti al fine di agevolare lo slancio vitale, dominare le circostanze, vincere gli ostacoli e promuovere l’armonia. Il Reflecting® così come se ne avvale il Pedagogista Clinico®, consente con l’autentico ausilio della riflessione di superare le difficoltà, maturare autonomamente nella propria interiorità per intraprendere un cammino di conoscenza e consapevolezza di sé. Al metodo argomentativo dell’arte dialettica stringente concretizzata dall’ironia il Reflecting ® vuole che il soggetto sia aiutato a partorire la propria verità, a decifrare il geroglifico, apparentemente inintelligibile del suo passato e del suo presente. Una vera azione di aiuto mirante a vincere i sentimenti di inferiorità, superare lo scoraggiamento, incrementare la crescita personale, mutare lo stile di vita fino a spingersi nell’intento di far sentire la persona ottimista, fiduciosa, sicura, in grado di vivere intensamente le proprie esperienze personali nel più vasto contesto di quelle sociali. Il Reflecting® persegue l’obiettivo di far realizzare alla persona un percorso in conoscenza di sé, a mobilizzare un’intensa risposta emotiva, a farle asserire la sua volontà, ad affermarsi senza provare sentimenti di colpa, ad assumersi le proprie responsabilità e usare creativamente le proprie capacità nei suoi compiti vitali per riuscire a migliorare i rapporti con la realtà, a raggiungere un equilibrio e promuovere lo sviluppo della personalità. Nel Reflecting® non è la parola il mantra del successo, il linguaggio parlato non è il dispositivo di soccorso specifico a cui rivolgersi per influenzare la persona con effetti shock e contro-shock e con domande e risposte. L’esclusività della parola presenta il rischio di un processo di cristallizzazione e non è certo una condizione favorevole per rintracciare immagini di sé, prendere coscienza delle energie reattive e degli stati di necessità. All’impiego della parola nell’arte dell’interrogare, del fare domande, del dirigere, indirizzare e consigliare, si ascrive la responsabilità di nascondere alla persona che proprio la parola può essere un agente capace di limitare la sua libertà e che può raggiungere una vera crescita personale per mezzo di un’azione efficace con adeguati stimoli alla riflessione che le permettano di analizzare da se stessa e per se stessa ogni percorso della propria esistenza, ogni situazione, conseguenza e dimensione di significato, di esplorare e cogliere ogni risposta sulla natura, sulla trama, sull’ordito del tessuto della propria vita, di accompagnarla nell’elaborazione delle tante situazioni che le appartengono, consentendole di percorrere incerti sentieri, rintracciare ciò che la frena, che la fa sentire intrappolata, inibita, bloccata, elaborare fallimenti e frustrazioni, muovere verso la ricerca di verità inconfessate. Questo ausilio alla riflessione prevede l’utilizzo di ogni codice semiotico, per accogliere e interpretare le strutture fondamentali che hanno organizzato l’affettività dell’individuo, le sue pene, le sue gioie, la sua storia intima. Il Reflecting® si propone di conoscere la semiotica, i fenomeni linguistico-comunicativi in grado di influire sui processi di aiuto alla persona, di come agire per sviluppare nell’interlocutore la capacità di riflettere sulle proprie dinamiche personali in una prospettiva relazionale. Aspetti e indirizzi orientati all’analisi dei pensieri, delle emozioni e degli stati d’animo, elementi nutrizionali del gnóthi sautón che trovano campo di interesse e di soddisfazione, confermando che il principio della Nuova Maieutica è oggetto di una visione rivolta alla persona, alla riflessione soggettiva come metodo per lo sviluppo del Sé capace di favorire nuovi equilibri. Con il Reflecting® si hanno riferimenti in merito al modo in cui la stasi dell’energia psichica si possa risolvere in un progredire verso nuove mete e trovare compiutamente espressione e a come si possano coniugare i sentimenti profondi con quel mondo dei valori a cui si conferisce significatività per sé e per gli altri. Si coglie come la vita psichica sarà arricchita e trasformata, come l’esperienza profonda sia a garanzia di un rinnovato ed equilibrato rapporto con la realtà felicemente espresso. Nel Reflecting® si manifesta l’esigenza di un viaggio dinamico di esplorazione da intraprendere per raggiungere la meta dell’armonia che ci rende persone, si trova il modo di uscire dall’oscurità o di soddisfare quel processo di analisi che consente la riflessione fino alla coscienza di sé, quel percorso durante il quale il soggetto viene aiutato a maturare autonomamente nella propria interiorità, che rappresenta un modo di distinguere se stesso da se stesso, di conoscere ogni aspetto dell’universalità che gli appartiene, fino a raggiungere il sapere affermativo di sé. Con questi dinamismi il Pedagogista Clinico® aiuta realmente la persona a conoscersi, a scandagliare ogni piano dell’edificio della propria personalità, ogni momento della sua vita, ogni aspetto di sé, ogni contenuto intimo e sapienziale. Il suo rapporto si basa sull’instaurare un clima relazionale positivo, sul costituire, mantenere, difendere e sviluppare contatti costanti di mutua soddisfazione, investendo nella progettualità di una vera relazione di aiuto. Un aiuto che non trascura quel sentirsi, parteciparsi, conoscersi, che affiora ed emerge con fertili flussi come una linfa produttiva, e che permette di far vedere le rovine che la persona ha in sé e intorno a sé, ma che la portano ugualmente a infiammarsi di entusiasmi, a sentirsi padrona di se stessa, orientata verso orizzonti estesi, con nuovi desideri e vitalità. La persona aiutata dal Pedagogista Clinico® a riflettere riesce a tenere in mano le redini della propria esistenza e a guidare se stessa verso nuovi e più ampi traguardi.

error: Contenuto protetto !!